Search Menu
 
Cookie policy
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
La nuova era degli integratori: MCU-20® Yamamoto®
La nuova era degli integratori: MCU-20® Yamamoto®

La nuova era degli integratori: MCU-20® Yamamoto®

Data: 24 maggio 2021

MCU-20® Yamamoto® è l’innovativa formulazione di integratori che garantisce l’assimilazione del 100% dei principi attivi

MCU-20® nasce dai laboratori Yamamoto® per permettere la massimizzazione del traporto e dell’assorbimento dei principi attivi degli integratori. L’obiettivo, infatti, è raggiungere indenni il target, al meglio della biodisponibilità degli elementi e in modo da ottimizzarne l'effetto.

La microincapsulazione è una tecnologia già nota e presente nel mondo del food e del farmaceutico e oggi ha permesso una importante svolta: ha consentito il superamento di limiti che condizionavano la biodisponibilità di molte molecole del mondo dell'integrazione alimentare.

Sappiamo bene che molte materie prime, comunemente utilizzate nel mondo degli integratori, presentano limiti di varia natura, per esempio, possono subire una degradazione nel tratto gastrointestinale a causa di condizioni "ambientali" o della scarsa solubilità della materia (che può formare dei precipitati che non riescono a essere assorbiti completamente). Questo significa spreco di materie prime e di principi attivi, a fronte di un corrispondente spreco economico non indifferente per il consumatore finale.

Microincapsulazione: come nasce

La tecnologia della microincapsulazione nacque a metà degli anni ’20 del Novecento e le prime applicazioni riguardarono la microincapsulazione di oli con gomma di acacia e gelatina tramite il processo di coacervazione.

Nel 1955 arrivò il primo grande successo, dal punto di vista industriale, della tecnologia di microincapsulazione, poiché, si brevettò un processo di coacervazione della gelatina in grado di incapsulare un pigmento. Nacque, nello specifico, la nota carta “autocopiante” nella quale, le microcapsule ottenute vengono appiccicate sulla superficie di un foglio e, con la pressione della scrittura esercitata sul foglio stesso, si rompe la sottile parete di gelatina delle microcapsule e si libera il pigmento che si fissa sul foglio sottostante.

Da questo primo grande successo della microincapsulazione, si ebbe uno sviluppo esponenziale della tecnologia sia in campo alimentare, sia in ambito cosmetico, chimico, elettronico, nonché farmaceutico.

Microincapsulazione: i benefici

Grazie alla microincapsulazione è possibile cambiare:

  • Colore;
  • Forma;
  • Volume;
  • Solubilità.

Ciò significa, in concreto, che grazie a questa tecnologia è possibile:

  • Trasformare una sostanza liquida in solida: da un liquido si può quindi ottenere una polvere con le caratteristiche del polimero usato per l’incapsulamento, dunque, la polvere viene definita pseudo-solida.
  • Ridurre la volatilità: grazie alla microincapsulazione, una sostanza estremamente volatile può essere intrappolata in un sistema particellare tale da poterla conservare per lunghi periodi di tempo.
  • Modificare il volume e la densità: si possono specificamente creare microcapsule con elevato contenuto d’aria, in modo da generare sostanze capaci di flottare in acqua o in aria.
  • Aumento della stabilità: poiché la microincapsulazine protegge le sostanze imprigionate dagli agenti ambientali, ciò garantisce una maggiore stabilità dei contenuti.
  • Mascheramento di odori e sapori sgradevoli
  • Ottenimento di sistemi di rilascio controllato: il controllo del sistema di rilascio dei contenuti della microcapsula, è possibile grazie ai polimeri utilizzati per la microincapsulazione stessa.

Naturalmente, i polimeri utilizzati per la microincapsulazione, sono diversi a seconda della finalità.

MCU-20® Yamamoto®: la nuova era degli integratori

In concreto, quali benefici porta la tecnologia della microincapsulazione applicata agli integratori?

Facciamo un esempio: grazie alla microincapsulazione MCU-20® di Yamamoto®, gli amminoacidi, caratterizzati da una bassa solubilità e stabilità in acqua, possono essere resi rapidamente e completamente solubili senza formare precipitati: questo significa un assorbimento superiore allo standard in termini quantitativi e qualitativi.

Tale miglioria, naturalmente, si ripercuote direttamente sulla qualità della performance del consumatore che ottiene realmente il supporto necessario e richiesto dalla ingestione dell’integratore.

Ci sono molte altre materie prime, tipiche dell'integrazione sportiva, che hanno dei limiti di assorbimento orale: i più noti sono la creatina, la l-carnitina e l'arginina.

Quello che perciò succede con la tecnologia di microincapsulazione MCU-20® di Yamamoto®, è che anche gli elementi definiti "scarsamente assorbiti", possono dimostrare la loro efficacia bypassando limiti chimici o enzimatici ambientali, fornendo un carrier protettivo e di trasporto alle piccole microparticelle che raggiungeranno una biodisponibilità unica.

Perché scegliere MCU-20® Yamamoto®

Perché è l’unica formulazione attualmente disponibile in grado di garantirti la completa ed efficace assimilazione dei principi attivi indicati in etichetta, quindi, oltre a offrirti realmente il 100% dei benefici, ti fa anche risparmiare!

BIBLIOGRAFIA

M.N. Singh, K.S.Y. Hemant, M. Ram, and H.G. Shivakumar. Microencapsulation: A promising technique for controlled drug delivery. Res.Pharm Sci 2010 65-77.

Eskildesen Pagano A.P. et al. Microencapsulation of betanin in monodisperse W/O/W emulsions. Comparative Study-Food. Res. Int. 2018 Jul.

Katarzyna Hoppe and Małgorzata Sznitowska. The Effect of Polysorbate 20 on Solubility and Stability of Candesartan Cilexetil. AAPS PharmSciTech, Vol. 15, No. 5, October 2014.

True L. Rogers & Dave Wallick. Reviewing the use of ethylcellulose, methylcellulose and hypromellose in microencapsulation. Part 1: materials used to formulate microcapsules. Drug Development and Industrial Pharmacy, 14 Sep 2011.

Gibbs, B. F., Kermasha, S, Ali, I and Mulligan, C. N. 1999. Encapsulation in the food industry: a review. International Journal of Food Science and Nutrition. 50:213–224.

Gouin, S. 2004. Microencapsulation: Industrial appraisal of existing technologies and trends. Trends in Food Science Technology. 15: 330–347.




Sharing is Caring!






FAI SENTIRE LA TUA VOCE!
Opinioni, dubbi, richieste: lasciaci un commento