Cordyceps sinensis | I benefici del "fungo del bruco" per gli sportivi

Yamamoto - in Blog
Ultima modifica: 2020-05-11
Il Cordyceps sinensis, conosciuto anche come “fungo del bruco” per via della sua particolare storia, svolge un’azione tonica a diversi livelli, molto utile per chi pratica sport intensi!
 

Chiunque sia affascinato dalla cultura medica orientale troverà intrigante la particolarissima storia del Cordyceps sinensis, il "fungo del bruco" tibetano dalle funzioni toniche e e coadiuvanti per le difese dell'organismo, che si è rivelato un integrartore utile anche per gli amanti dello sport

Le origini del fungo Cordyceps

cordyceps snensis

 

Il fungo Cordyceps Sinensis viene utilizzato da più di 2.000 anni nella Medicina Tradizionale Cinese come potente tonico per migliorare e preservare forza, vitalità e virilità sessuale, nonchè come rimedio per favorire la longevità. Infatti, non a caso, è conosciuto anche come il "fungo della giovinezza".

Il Cordyceps sinensis cresce e si sviluppa esclusivamente nell’altopiano dell’Himalaya, tra i 3.000 e i 5.000 m slm. Curiosamente, cresce parassitando le larve di insetto del genere Thitarodes armoricanus ("falena fantasma", o "insetto Caterpillar").

Ancora poco chiaro come e quando le spore del Cordyceps sinensis infettino le larve ma, una volta infettate, esse sono condizionate a scavare a una profondità inferiore a quella che sarebbe naturale per l’inverno. Durante i mesi invernali il fungo Cordyceps continua a crescere dentro il suo ospite e, quando la neve si scioglie e sopraggiunge la primavera, un fungo germoglia dalla testa del bruco ed emerge dal terreno. Dopo che il fungo è completamente sviluppato inizierà a rilasciare le spore che trasportate dall’aria infetteranno più bruchi continuando il ciclo vitale.

Questo è il motivo per cui in Cina il fungo è conosciuto come DongChongXiaCao, che significa “pianta d’estate, insetto d’inverno”.

Cordyceps sinensis: i benefici per gli sportivi

sportivo assume integratori di cordyceps

 

Da quando sono entrato nel vasto mondo dei nutraceutici commercializzati in occidente mi trovo sempre più spesso a consigliare agli sportivi di alto livello l’utilizzo regolare di questo peculiare fungo medicinale orientale per contribuire a incrementare i livelli di ATP (adenosina trifosfato) nel corpo e la capacità dell’organismo di utilizzare l’ossigeno, favorendo anche una miglior clearance del lattato. 

Il fungo viene utilizzato anche come tonico da coloro che soffrono di malattie dell’apparato respiratorio e dell’asma, dal momento che è un coadiuvante per le funzioni immunostimolanti dell'organismo, utile nei casi di difficoltà del sistema immunitario.

L’uso del Cordyceps in ambito sportivo nasce da un episodio ben preciso nel mondo agonistico: la pubblicità seguita alle eccellenti performace sportive delle atlete cinesi ai mondiali di atletica di Stoccarda, i “Chinese National Games” del 1993, così come da altri episodi mediatici che fecero alimentare i sospetti di doping. Tuttavia, siamo ben lontani dal mondo del doping, dal momento che il fungo è un composto 100% naturale impiegato sia come aiuto energizzante, sia come anti-aging, sia nel contesto dello sport, dove lo suggerisco negli sport di endurance e da combattimento.

Infatti, lo sportivo che pratica discipline intense può trarre benefici concreti dall’impiego del Cordyceps sinensis, che si è dimostrato utile nel promuovere l'ossigenazione dei tessuti anche attraverso il rilassamento della muscolatura bronchiale, bronchiolare e della parete vasale, partecipando a un aumento del flusso ematico a livello muscolare e cardiaco con un conseguente incremento dell'efficacia nell'uso dell'ossigeno da parte dell' organismo.

 

Autore

Dott. Gabriele Trapani
Chief Research & Development Yamamoto

 

Referenze

  • Journal of Functional Foods Volume 5, Issue 2, April 2013, Pages 550-569 Properties of Cordyceps Sinensis: A review Peter XinChenaSunanWangaShaopingNiebMassimoMarconea
  • Properties of Cordyceps Sinensis: A review
  • Mizuno T.: "Medicinal effects and utilization of Cordyceps (Fr.) Link (Ascomycetes) and Isaria Fr. (Mitosporic fungi) Chinese caterpillar fungi, "Tochukaso" (review)", IntJ.Med.Mushr. 1999:1:251-62
  • Halpern GM : Healing mushrooms. Effective treatments for today's illnesses, Garden City (NY): Square One Publishers; 2007
  • Zhou J-S, Halpern G, Jones K.: "The scientifi c rediscovery of an ancient Chinese herbal medicine: Cordyceps sinensis", J.AItem.Complement.Med. 1998,4:429-57
  • Dai GW, Bao TT, Xu GF, Cooper R, Znu GX: CordyMaxTM Cs-4 improves steady-state bioenergy status in mouse liver. J Altem Complement Med. 2001:7:231-40.
  • AA.W.: "Cordyceps sinensis". Food Chem. 2002;78:463-9.5
  • Chen DG.: "Effects of JinShuiBao capsule on the quality of life of patients with heart failure", J.Admin.Trad.Chin.Med. 1995:5:40-3.
  • Zhu J-S, Rippe J. CordyMax enhances aerobic capability, endurance performance, and exercise metabolism in healthy, mid-age to elderly sedentary humans. Presented at the Annual Scientific Conference of the American Physiological Society (APS). Experimental Biology. 2004 April 17-21; Washington, DC.
  • LI Xiao-lei,ZHAO Jun,DAI Si-cheng,LI Peng,LI Dan (Key Laboratory of Agricultural Products Processing in Jilin Province Universities,Changchun University,Changchun 130022,Jilin,China);Research and Development of Fruit Flavored Cordyceps Sinensis(Berk.) Sacc Drink[J];Food Research and Development;2010-01
  • WANG Pu,ZHENG Ming,HE Jun-yao,ZHU Jia-nan (College of Pharmaceutical Science,Zhejiang University of Technology,Hangzhou 310032,China);Research progress in chemical structure and pharmaceutical activities of Cordyceps polysaccharide[J];Journal of Zhejiang University of Technology;2010-02
  • The Journal of Alternative and Complementary MedicineVol. 4, No. 3 The Scientific Rediscovery of an Ancient Chinese Herbal Medicine: Cordyceps sinensisPart I
  • Published Online:20 Feb 2008 The Scientific Rediscovery of an Ancient Chinese Herbal Medicine: Cordyceps sinensis Part I
  • World J Gastroenterol. 2003 Mar 15; 9(3): 529–533. Published online 2003 Mar 15. doi:  Inhibitive effect of cordyceps sinensis on experimental hepatic fibrosis and its possible mechanism
    PMCID: PMC4621576
    PMID: 12632512
    Inhibitive effect of cordyceps sinensis on experimental hepatic fibrosis and its possible mechanism
    Yu-Kan Liu and Wei Shen
  • World J Gastroenterol. 2003 Mar 15; 9(3): 529–533. Published online 2003 Mar 15. doi:  10.3748/wjg.v9.i3.529
    PMCID: PMC4621576
    PMID: 12632512
    Inhibitive effect of cordyceps sinensis on experimental hepatic fibrosis and its possible mechanism
    Yu-Kan Liu and Wei Shen
  • Effects of Cordyceps sinensis on testosterone production in normal mouse Leydig cells
  • Bu-MiinHuangaChih-ChaoHsuaShaw-JengTsaibChia-ChinSheucSew-FenLeud
  • Department of Cell Biology and Anatomy, College of Medicine, National Cheng Kung University, Tainan, Taiwan, Republic of China
    Department of Physiology, College of Medicine, National Cheng Kung University, Tainan, Taiwan, Republic of China
    Simpson Biotech Co. LTD., Taipei, Taiwan, Republic of China
    National Laboratory Animal Breeding and Research Center, National Science Council, Taipei, Taiwan, Republic of China Received 20 December 2000, Accepted 14 May 2001, Available online 12 October 2001.
 
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK